Don Carlo raccontato dai suoi ragazzi e dai suoi amici

Buongiorno a tutto El clan!!!
Oggi sappiamo tutti che è il decimo anno dalla scomparsa di Don Carlo. Volevo chiedere a tutti voi membri del clan, di scrivere un pensiero, ricordo che avete di Don Carlo Zaccaro, in modo da creare un opuscolo che li raccolga. Intanto inizio con il mio:
Don Carlo Zaccaro è stato per me ciò che non ho mai potuto avere. Molti di voi mi conoscono e altri invece mi avranno sentito nominare per i molteplici “disastri” che ho combinato nel periodo trascorso all’Opera Madonnina del Grappa. Io sono Igor, nato in Chile sotto la dittatura di Pinochet. I primi 10 anni della mia vita sono stati trascorsi in un orfanotrofio militare dove sono cresciuto tra odio e sofferenza. All’età di 10 anni fui adottato da una famiglia della Toscana, ma a causa del mio carattere selvatico, non andò a buon fine. Il giudice che mi aveva in custodia provó a cercare un’altra famiglia per il mio affidamento, ma per la età questo non fu facile.
Ormai prossimo al ritorno in Chile per la scadenza dei miei documenti, il giudice si mise in contatto con l’Opera Madonnina Del Grappa e da qui la mia vita cambiò. Don Carlo Zaccaro diventò il mio tutore, mi salvò la vita. Ho trascorso quasi 10 anni della mia vita in mezzo a tutti i ragazzi DELL’OPERA, vivendo a Firenze alla Villa Guicciardini e Casa Rezza, a Galeata alla Torricella, a Quercianella dove passavamo le stagioni estive. Don Carlo è stato una figura chiave per la mia crescita. Lui mi ha fatto comprendere il vero significato del bene e del male. La mia vita prima di conoscerlo era sommersa solo da odio e sofferenza, lui è riuscito grazie alla sua bontà, ad aprire il mio cuore come nessuno aveva mai fatto prima. Sono stato per molti una causa persa, ma al contrario di tutti lui è riuscito a capire la vera bontà del mio animo. Oggi, a 10 anni dalla sua morte, posso solo ringraziarlo insieme a tutti coloro che hanno fatto parte dell’Opera Madonnina Del Grappa. Ho rincontrato Don Carlo dopo 10 anni dalla mia partenza dall’Opera,ci siamo rivisti alla Villa Guicciardini dove gli ho presentato mia moglie. Nel rivedermi la sua gioia immensa si è espressa con un sonoro schiaffo ( marchio di fabbrica) seguito da un forte abbraccio. Non dimenticherò mai le parole che ha usato per descrivermi a lei : “IGOR È SELVATICO MA MOLTO BUONO”.
Poco tempo dopo morì. Il mio rimpianto più grande è quello di non avergli mai detto quanto gli volessi bene.

Una storia triste la tua, ma a lieto fine, con l’incontro di Don Carlo Zaccaro, grazie di questo tuo ricordo. Don Carlo ha sempre fatto affidamento alla provvidenza e lo ricordava quando c’era una difficolta’,  per cui restava tranquillo e proseguiva senza troppe preoccupazioni.
Questo grazie a lui lo tengo a mente in ogni situazione difficile. Ti ho in mente alla Torricella Igor, quando eri un ragazzino. Ricordo pure di quell’incendio, ero appena arrivato in auto a Torricella e corremmo per spegnerlo sul nascere, ma era troppo tardi e non si poteva fare altro che chiedere soccorso ai pompieri.

17 hMembri di El clan don carlo zaccaro
Sin da bambino ho sempre pensato che i ricordi d’infanzia sono indelebili, ed oggi a 41 anni ne sono sempre più consapevole perché nel decimo anniversario della scomparsa di Don Carlo, i ricordi si intensificano e non posso, anzi non voglio dimenticare la sua determinazione religiosa e sociale…. per me e per tanti altri ragazzi è stata una figura indispensabile nel cammino della crescita.
Un padre a tutti gli effetti lo ricordo come uomo generoso e colto, un grandissimo arbitro col cuore grande per me che ho avuto la fortuna di vivere nell’ Opera Madonnina del Grappa.
Ancora oggi lo ringrazio per avermi dato l’opportunità di crescere con sani princìpi…. sono assolutamente convinto che lui ne sarebbe orgoglioso!
Eri…. sei e sarai sempre il nostro buon Padre.

Un ricordo nel ricordo.
Hai fatto tanto per tanti, lasciando un ricordo in ognuno di noi. Non è cambiato nulla, continui a vivere nei tuoi figli. Scorre veloce il tempo ma questa eco non finirà mai.

Ricordando don Carlo Zaccaro sacerdote dell Opera Madonnina del Grappa che ha saputo cosi bene interpretare la paternita di Dio verso molti tra cui i nostri ragazzi della Missione di Scutari. Uomo dalle molteplici e variopinte risorse che non si fermava davanti ai problemi ma per i quali cercava soluzioni, tu ci hai mostrato l Amore disinteressato l accoglienza verso tutti in particolare per i più poveri. Uomo di una cultura finissima ma altrettanto semplice e schietto alla portata di tutti ci hai coinvolto con le tue mille idee, vulcano in continua eruzione dell Amore di Dio, ci manchi, ci manca la tua presenza serena e gioiosa, il tuo sostegno fermo e sicuro, il tuo consiglio sincero, la tua spinta di essere audace con quell incrollabile fede che hai avuto in Dio. Ti ricordo e ti saluto assieme ai nostri ragazzi con tanta nostalgia.
Fabrizio Nocchi

Un “deposito” che viene compiuto !
Don Carlo Zaccaro e’ stato un esempio di dedizione, carita’ e segno della Divina Providenza per oltre due decadi nella citta’ di Scutari. Oltre alle case famiglia che Lui ha contribuito a costituire e che continuano a svolgere in pieno la loro attivita’ sotto l’insegna della Madonnina del Grappa, Lui riusciva a coinvolgere nei suoi progetti anche tanti suoi amici del mondo accademico e figure di spicco delle instituzioni italiane.
Tutto era frutto delle sue amicizie “personali” coltivate con cura e devozione particolare durante la sua gioventu’ come professore universitario e attivista della FUCI.
Scrivo queste righe per raccontare questa bella storia che mi ha coinvolto e sono grato a don Carlo per avermi dato la possibilita’ di portare a compimento il suo desiderio.
Anni fa ebbi il piacere di laurearmi a Firenze con il prof. Paolo Grossi, insigne accademico italiano ed ora giudice della Corte Constituzionale Italiane. Nel giorno della mia laurea sul diritto consuetudinario albanese, riusci’ a strapparli la promessa che un giorno mi sarebbe piaciuto che insieme visitassimo la mia citta’ natale, Scutari. Io pero’ all’epoca abbitavo a Milano e non se ne fece nulla.
Nel 2006 ritornai in Albania per contribuire alla crescita del mio paese e ricordo con affetto l’esclamazione di Don Carlo che disse: finalmente uno che non mi chiede di venire in Italia ma che una volta “formato ed istruito nelle scuole italiane” decide spontaneamente di ritornare per contribuire ai cambiamenti albanesi.
Attraverso una mia amica vengo a sapere che il prof. Paolo Grossi venne nominato dal Presidente Giorgio Napolitano come giudice della Corte Costituzionale. Saputa la notizia avverto don Carlo e gli ricordo la promessa che il Prof. Grossi mi aveva fatto per venire un giorno a visitare Scutari.
Sotto richiesta di Don Carlo, scrivo al Professore e faccendo gli auguri da parte mia e quella di Don Carlo gli ricordo anche la promessa di visitare Scutari.
Per farla breve il professore accetta con entusiasmo e viene a Scutari per una settimana intera (oramai era giurdice costituzionale in Italia ) e tiene presso la Facolta’ di Giurisprudenza di Scutari un ciclo di lezioni rachiuso nel libro “Prima Lezione di diritto”.
L’entusiasmo degli studenti e la professionalita’ del prof. Grossi porta alla promessa dell’universita’ di pubblicare il libro anche in lingua albanese.
Come succede pero’ tante volte questa promessa venne “archiviata” e le cose sembrarono che non riuscissero ad andare come dovevano.
Don Carlo si ammala, e nella settimana prima di passare alla vita eterna, mi chiama dall’ospedale ricordandomi che dovevamo portare a termine questo “lavoro”. Eravamo a maggio 2010.
Dopo due settimane mi chiama don Daniele per dirmi che don Carlo era tornato alla casa del Padre. Fu per me e per tutta Scutari una “notizia sconvolgente”. Come si poteva fare senza il suo aiuto ? La Madonnina poteva continuare ancora la sua attivita’ ?!
Promisi a me stesso che anche se oramai vivevo a Tirana di continuare a sperare perche’ questo suo ultimo “desiderio” andasse in porto. Poche erano le speranze ma come don Carlo ci insegnava la Provvidenza “ha i suoi tempi” ma non ci abbandona mai.
Nonostante tutto ed anche se con un po’ di ritardo oggi siamo riusciti ad esaudire questo suo desiderio. Egli riteneva molto importante che nella missione dell’Opera della Madonnina del Grappa ci fosse anche l’accrescimento culturale degli studenti universitari scutarini, attraverso molti progetti oramai realta’ costanti dell’Universita’ di Scutari.
I studenti albanesi, con il libro tradotto in lingua albanese avranno uno strumento in piu’ per imparare e approffondire la scienza giuridica con un maestro del diritto quale e’ il prof. Grossi.
In suo ricordo siamo felici perche’ il seme che don Carlo ha seminato per oltre 20 anni nella citta’ di Scutari continua a dare i suoi frutti per il bene degli scutarini e della citta’ di Scutari.
Ciao don Carlo sarai sempre nei nostri cuori e siamo sicuri che da la’ su’ ci proteggi e ci saluti con il tuo sorriso immenso.
Eugen PEPA
Ex allievo della Madonnina del Grappa, Empoli.
Albania, Estate, 2014.

Lodovico Branca:

Ricordare Don Carlo a 10 anni dalla sua morte non è facile. A lui mi legava geneticamente il Rapporto con mio padre, suo compagno e riferimento nella lotta antifascista, o i ricordi di quando, durante i miei studi universitari, si incontravano a Firenze.

Sempre sorridente e positivo, per lui la disponibilità era un mettersi a disposizione degli altri , annullarsi e dare felicità e sicurezza a tutti, sempre.

Nel suo cammino terreno mi ha dimostrato come, con semplicità, ci possiamo mettere al servizio del buon Dio lasciandoci guidare dalla sua mano. Come quando per esempio ebbi ad incontrare, ancora giovane studente, la disgrazia di un’amica che si tolse la vita, lasciando un compagno con figlia di 5 anni. Di fronte a questa tragedia, non sapendo che pesci pigliare, andai a Villa Guicciardini e lo trovai una domenica mattina.

Spiegategli la situazione, egli subito incontrò questo mio amico giovane, a lui sconosciuto, che è uscito un lungo colloquio trasfigurato con di nuovo la speranza negli occhi.

Questo episodio per me è emblematico sulla sua disponibilità e fede assoluta nella provvidenza.


Robel Beyene

Ciao Ragazzi, pazzesco sono già passati 10 anni dalla scomparsa di questo grandissimo Uomo, straordinario Sacerdote e fantastico Padre.., quello che è stato per tutti noi. Potrei raccontarvi tante cose e aneddoti stupende, ma una in particolare mi ha sempre colpito e che non potrò mai dimenticare… In uno degli ultimi raduni (credo proprio l’ultimo di quando era in vita) a Villa Guicciardini, Don Carlo celebrò con tutti noi la messa nella cappellina. Durante l’omelia nel rivederci dopo tanti anni, ormai diventati uomini, con gli occhi lucidi e visibilmente commosso disse “Vorrei chiedervi scusa se non ho fatto abbastanza, o se talvolta, con qualcuno sono stato un po duro…”. Ragazzi io avevo i brividi nel sentire quelle parole e li ho ancora ogni volta che ci penso. Ma come.. un uomo che ha dato tutta la vita per i più deboli e indifesi, che non si è mai fermato di fronte a qualunque ostacolo o difficoltà, perché non vedeva nessun ostacolo se dall’altra parte c’era qualcuno da aiutare, la parola impossibile non esisteva nel suo vocabolario se si trattava di dare una speranza a chi non ne aveva mai avuta e che poi come uno straordinario padre sapeva amare e farlo sentire UNICO!! …Ebbene dopo tutto questo ci viene pure a chiedere scusa per non aver fatto abbastanza..??


Elisa Deo

Sindaco di Galeata

Il 15 maggio è la festa del Santo Patrono di Galeata, Ellero/Ilaro, che basò la propria vita sulla preghiera, il lavoro nei campi e la carità. Una figura importante per la nostra comunità alla quale siamo molto legati.

Il 15 maggio di 10 anni fa, durante le celebrazioni di Sant’Ellero arrivò la notizia della morte di Don Carlo Zaccaro. Il tempo sta passando inesorabilmente, ma il suo ricordo e le sue tracce concrete lasciate in questo mondo volte all’aiuto ed al bene dei più deboli, rimarrà immutato per sempre.

Oggi 15 maggio ci ha lasciati Ezio Bosso, un uomo semplice e profondo che nella sua breve vita è riuscito a lasciarci in dono tanti insegnamenti con il suo modo speciale di vivere l’arte della musica e la malattia.

15 maggio, una data che inevitabilmente accomuna belle anime.


Ludovica Trebeschi

Ci uniamo senz’altro nel ricordo e nella preghiera, in comunione anche con il nostro papà che nella notte di questo venerdì santo ha raggiunto don Carlo: vi mando un bel ricordo che lo fa essere tra noi

Grazie

Ludovica Trebeschi

Cesare Trebeschi. Lettera Battesimo

 

Ricordiamo il lungo articolo scritto da Cesare Trebeschi sul lavoro svolto da Carlo Zaccaro come redattore capo delle Rivista di Diritto agrario.
PRIMI APPUNTI PER UNA STORIA DELLA RIVISTA DI DIRITTO AGRARIO.
IN MEMORIA DI DON CARLO ZACCARO (1992-2010)


Gabriele Locatelli
E’ sempre la medesima domanda quella che ti pone FB alla sua apertura, “a cosa stai pensando”. Leggendo questo articolo penso a quei meravigliosi anni trascorsi, in parte anche intensamente, con Don Carlo, dal 4 ottobre 1984 fino al 2010, anno della sua inattesa scomparsa. Mi vengono in mente gli anni di Villa Guicciardini, in particolare i primi, il 1995, il 1996, il 1997 quando a Villa avevamo dato vita ad una piccola e meravigliosa Comunità fatta di Bimbi e di giovani Universitari. Poi, con l’avvicinarsi della Laurea, il moltiplicarsi delle iniziative come quella sulla Protezione Civile, a Capaccio, a cui partecipò il Ministro Lattanzio, la sua vicinanza con Galloni che oggi riscopriamo come un vero uomo di Stato, con Spadolini e Bernabei che mi mando a prendere a Forlì, all’hotel della città, per fare un incontro, a Galeata, con il compianto Sindaco Graziani, fino ad arrivare all’apertura, con mia mamma, di Villa Torricella a Galeata. Quante discussioni su Galeata, quante piccole continue e silenziose imprese. Quelle dolci battute con Don Angelo il giorno del mio matrimonio con Chiara su chi avrebbe “comandato” in casa nostra. Mi manchi Don Carlo, mi manca il tuo sapere, la tua meravigliosa energia la tua voglia di “Fare del bene”, sempre, “contro ogni speranza”.

Non trovava mai le chiavi che dimenticava sempre ovunque, ma ricordava tutti i nostri nomi.
Ho avuto l’onore di vivere all’opera per qualche anno, e di certo l’insegnamento avuto in quegli anni me lo porterò dentro tutta la vita, un po’ ha già dato i suoi buoni frutti e un po’ sta continuando a crescere.
Don Carlo ti entrava dentro, prima con ceffone di quelli che ti facevano sentire tutto il suo affetto(un vero marchio di fabbrica) poi ti lavorava dentro con le sue parole.
Un prete, un uomo, un padre per tanti di noi, impossibile da dimenticare impossibile da descrivere se non lo si è conosciuto.
Il ricordo più bello? è inciso nel mio cuore ed è lì che lo custodisco gelosamente.
Dieci anni che non sembrano trascorsi… ciao don

Mi sono confessata con lui alcune volte quando veniva in visita a Galeata.
Credo che siano stati degli autentici momenti di spiritualità.
Un uomo che sapeva scavare nell’animo delle persone che usava le parole giuste per farti comprendere ciò che la vita non ti rendeva facilmente comprensibile.
Un uomo straordinario ❤

In questi difficili giorni di covid19 riccordiamo con tanto amore questo grande sacerdote che ha lasciato una parte della sua vita qui a Scutari in servizio dei poveri, malati e orfani. Ancora grazie don Carlo Zaccaro.

 

Alfio Privitera

Un ricordo di Don Carlo Zaccaro

Era la vigilia di Natale del 1984 ed eravamo a Villa Guicciardini, a Firenze. La comunità dei ragazzi si era ridotta, in quanto alcuni erano stati prelevati dai genitori per passare insieme le feste di Natale. Anche gli studenti universitari erano tutti andati a casa. 

 Quelli rimasti eravamo giù di tono. Anche noi, come tutti, volevamo trascorrere le vacanze in famiglia. 

Alle 19,00 arriva Don Carlo, che fa un annuncio a sorpresa: “domani partirete e andrete a sciare in montagna, a Madonna di Campiglio, in Trentino”. 

 I ragazzi all’unisono elevarono un grido di gioia e di entusiasmo e la malinconia che fino ad allora aveva invaso l’animo dei ragazzi si dissolse in un attimo. 

L’indomani partimmo alcuni con il furgone “Innocenti”, altri in treno. Fummo ospitati in una canonica annessa a una chiesa nel paese di Rabbi, in Val di Sole, retta da un padre (Don Giuseppe, mi pare), appartenete all’ordine dei Trappisti. 

Fu una vacanza bellissima. La tristezza e la mestizia della vigilia di Natale era scomparsa. 

Don Carlo, senza che nessuno gli avesse detto nulla, aveva percepito che i suoi ragazzi stavano vivendo uno stato di malessere e come un padre si è adoperato per spazzarlo via dai loro animi. Riuscendovi pienamente!!! 

Questo è il ricordo che conservo di Don Carlo Zaccaro: un padre, un vero padre per i suoi ragazzi.

                                                                                                   Alfio Privitera 


Giuseppe Corzani

In questi dieci anni di separazione da Don Carlo, dopo cinquant’anni di frequentazioni pressochè costanti, (don Carlo continuava a chiamarci i suoi ragazzi anche al sottoscritto che ormai da un po’ è solo un giovane onorario) quasi quotidianamente ho avuto modo di fare riflessioni sui suoi insegnamenti, sui suoi comportamenti , sulle sue indicazioni e consigli,  che spesso davanti alla necessità di assumere decisioni mi sono venuti a mancare.
Mi mancano le sue telefonate dagli orari impossibili,  chiamava quando gli veniva in mente una cosa : dal mattino all’alba alla sera tardi.
Potrei incominciare a raccontarvi da quando l’ho conosciuto nel 1960 a Firenze, io che venivo da una frazione di San Piero in Bagno ed il massimo di spostamenti fatti erano quelli per andare dietro la macchina da trebbiare il grano, che non ero mai entrato in un bare e che quando don Carlo mi portò , in vespa, a prendere una cioccolata calda in una pasticceria in piazza SS.Annunziata a ripensarci mi sento ancora la lingua e la bocca bruciare.
Forse il racconto di molti aneddoti non sarebbero molto diversi da quelli che potrebbero fare i molti giovani che l’hanno conosciuto e che sono stati con lui a : Villa Lorenzi, Villa Guicciardini o alle Casette.
Per chi come me,  che sono orfano di padre fin dalla nascita, Don Carlo non è stato solo un educatore , ma un babbo e come tale è sempre stato presente nei momenti felici e più tristi della mia vita:  dal matrimonio , allo sposalizio del figlio, al funerale della mamma.
Certamente tanti sono gli aspetti, i valori, i comportamenti, gli esempi che hanno influito nella mia crescita ed educazione, quello però di cui vado più fiero ed orgoglioso è la “coerenza” assieme alla tolleranza ed al rispetto di tutti.
Don Carlo oltre ad un grande prete, ed io dico anche Santo, era un grande politico, con una profonda passione per la Politica con la ” P” maiuscola.
Passione che mi ha trasmesso anche con gli innumerevoli incontri che don Carlo  organizzava con noi figlioli negli anni sessanta con personaggi della politicae della cultura: La Pira, Pistelli, GianPaolo Meucci, il prof. Pieraccioni, Ettore Bernabei, padre Balducci, e qualche visita anche a Barbiana da don Milani e altri.
Così negli anni ottanta ho abbandonato la mia professione , legata al mio titolo di studio, e mi sono dedicato ad impegni: prima di politica amministrativa poi di politica economica per poi approdare a quella più di carattere sociale. A don Carlo questa cosa piaceva molto, credo che se ne beasse come un padre farebbe con un figlio che realizza il sogno che a lui non è riuscito.
Gli piaceva, quando eravamo assieme, sentire il mio pensiero sugli accadimenti o su personaggi del momento.
Come molti sanno ho fatto politica nella prima Repubblica nel PRI di Ugo La Malfa e di Giovanni Spadolini.
Don Carlo aveva con Giovanni Spadolini un rapporto molto speciale che risaliva agli anni della resistenza, con una storia molto particolare che aveva portato Spadolini ad essere legato e riconoscente a don Carlo; anche la sua venuta a Galeata, da Presidente del Consiglio ad inaugurare il monumento a don Giulio Facibeni, realizzato da Puzzolo, fa parte di questa riconoscenza.
Don Carlo amava la politica , se non fosse diventato sacerdote sicuramente avrebbe fatto parte del gruppo di giovani e meno giovani frequentatori di don Bensi: Fanfani,La Pira, Galloni, Bernabei, e amici della FUCI , quali Andreotti, Cossiga e Scalfaro.
Mi raccontava che già prete dell’Opera il Padre lo utilizzava per le sue conoscenze e rapporti nel mondo politico, alla richiesta a don Giulio se riteneva che se non avesse fatto il prete avesse potuto fare il ministro, il Padre con voce flebile gli rispose ” il ministro non lo so, ma il sottosegretario di sicuro”.
Ancora più commovente è il racconto di quando assieme al Padre convinsero Giorgio La Pira a presentarsi candidato sindaco alle elezioni amministrative di Firenze dopo avere detto di no a tutte le sollecitazioni di politici e personaggi vari.
Il Padre lo convinse senza parole ma solo con lo sguardo.
La Pira accettò la candidatura , vinse le elezione e fu uno dei più grandi sindaci di Firenze.
Mi sono soffermato su questo racconto anche se non inedito in quanto la Fioretta Mazzei lo ricorda nei suoi scritti, ma perchè don Carlo lo riporta con maggiore dovizia di particolari in una lettera che mi scrisse l’undici febbraio del 2009 per sollecitarmi a tornare a fare politica ed a candidarmi per le amministrative di Galeata.
La lettera concludeva:”Si licet parva componere magnis (se è lecito paragonare le cose piccole alle grandi), si ripete lo stesso bisogno.
Galeata non può subire l’onta di una amministrazione leghista che calpesterebbe la seminazione effettuata con il sacrificio della vita di don Facibeni e violenterebbe l’immagine di Dio che è l’uomo con i suoi insopprimibili diritti. Purtroppo non è più l’ateismo a contrastare la pace, ma l’idolatria della ricchezza.
Non è quindi un gioco di partiti in gara fra loro per acquisire più potere, ma è un contrastato fondo di natura culturale.
Se seguitiamo a perdere posizioni la risalita sarà sempre più difficile fino a diventare impossibile.
Pino occorre che tu pianti la piccozza e si faccia una bella cordata perchè prevalga quello che ci ha insegnato il Padre.
Pregherò La Pira perchè aiuti la tua decisione
.Grazie un abbraccio don Carlo. ”
Io per una serie di motivi : personali, famigliari ed anche partito/politici per l’unica volta non ho dato retta a don Carlo.
Le preghiere sono andate comunque a buon fine, a Galeata la xenofobia non è passata alle elezioni, ma continua a non passare neanche nella comunità che riesce a convivere pacificamente anche con una presenza di circa il 30% di extracomunitari residenti ed il 50%di alunni, giovani e studenti.
Per don Carlo, però la politica non è stata solo una passione e anche da sacerdote spesso ha svolto missioni o è stato incaricato di aprire e costruire rapporti importanti.

Nel 1974 , fu incaricato di verificare con le segreterie del P.C.I. di Berlinguer e del P.S.I. di De Martino se ci potevano essere le condizioni per non arrivare al referendum sul divorzio che avrebbe certamente diviso il Paese.
Riporta un libro edito dal Mulino, – Gian Franco Pompei (1994)  Un ambasciatore in Vaticano – che un prete Gesuita, don Carlo Zaccaro,  era riuscito a trovare le condizioni per un accordo, con la sinistra, che in qualche modo poteva essere superato il referendum, ma Fanfani imperterrito non ascoltando ne il Vaticano ne una gran parte del suo partito volle andare alla conta, tutti conosciamo il risultato che portò grande rammarico e turbamento specie nel mondo cattolico, ma non solo.

La mattina che don Carlo seppe dell’uscita del libro con tale affermazione mi chiamò per sentire il mio parere in merito alla necessità o meno di una sua smentita circa l’affermazione non corretta di ” Prete Gesuita “, seguì una lunga disquisizione fra: Gesuiti, Salesiani, Ciellini ed amici suoi dell’ Opus Dei: Ettore Bernabei e Pieruigi Spadolini l’architetto fratello di Giovanni.
Potrei continuare con esempi più pratici e più recenti, quando per perorare la causa degli aiuti per le iniziative in Albania al Ministero degli esteri gli procurarono un incontro con un sottosegretario di Rifondazione Comunista che incontrò a Reggio Emilia,
Mi chiamò quando era in sala d’attesa per chiedermi se lo conoscevo e per manifestarmi le sue preoccupazioni e perplessità circa l’opportunità che un prete incontrasse un ultra comunista, poi mi richiamò subito dopo l’incontro, entusiasta per la disponibilità, la preparazione e la conoscenza dei problemi, che aveva riscontrato nel sottosegretario.
Era un esempio per supportare quanto detto all’inizio circa il rispetto per tutti che don Carlo ci ha sempre insegnato senza guardare credo politico, religioso e culturale, la sua grande attenzione a non mettere mai alcuno in imbarazzo.
Più di una volta mi è capitato di essere a pranzo o cena con commensali non cattolici, ed alla sollecitazione per la preghiera don Carlo rispondeva . già fatto, tutto a posto buon appetito.
Così come quando dopo di avere deciso di fare una cooperativa sociale a Galeata discutendo sul nome da dare e sentiti i suggerimenti : don Facibeni, Madonnina del Grappa don Carlo mi disse: noi con questa cooperativa dobbiamo aiutare chiunque abbia bisogno e non possiamo quindi mettere in imbarazzo alcuno con l’adesione a ad una cooperativa con un nome di tipo confessionale.
Noi dobbiamo solo fare del bene a chiunque ne abbia bisogno.
Decidemmo di chiamarla : FARE DEL BENE.
Questo è il mio piccolo contributo per ricordare don Carlo a dieci anni dalla sua ascesa in cielo, questo grande prete non solo per le sue opere che sono patrimonio di tutti, ma anche per i suoi insegnamenti, per la sua vitalità per la sua curiosità, il suo assiduo impegno e per essere sempre stato un primatista dell’amore verso il prossimo tanto più se ultimo.
Per concludere, anche se non vorrei farlo, permettetemi di riportare le motivazioni di un premio, fra i tanti, che gli fu assegnato nel 2008.
” Sacerdote illuminato, uomo meraviglioso, faro di bontà, sempre disponibile per tutti, specie per gli ultimi.
Don Carlo ha dedicato la sua vita di sacerdote, di uomo, di docente, per il bene del prossimo bisognoso nei suoi vari aspetti: morali, spirituali, religiosi, sociali, riabilitativi, materiali e caritativi.
Convinto secondo gli insegnamenti di Don Facibeni che un buon cittadino deve avere cultura, spiritualità, professionalità, disponibilità e amore per tutti, si è impegnato con tutto se stesso per tutta la sua vita nel compito di soccorrere ed educare il- Prossimo bisognoso – senza alcuna limitazione di tempo, luogo, etnia, religione e ceto sociale.
incurante della fatica, della sua età, della sua salute, dei luoghi pericolosi, ha rischiato persino la la sua incolumità personale per -Fare del Bene-
Esempio luminoso di grande testimonianza civile e religiosa di altissimo livello .
Che Dio gli renda merito.


Una risposta a “Don Zaccaro rivive nella memoria 10 anni dopo

  1. Don Carlo Zaccaro will always be in my memory, he was an intellectual and Godly person.

    I remember every time he said a word to any of us it was memorable like of those of the Gospels.

    If it wasn’t for his guidance, taught and care throughout my stay at “Villa Torricella” I wouldn’t be were I am today my character wouldn’t be kind and I am deeply deeply grateful for that and my respect goes to all the people that worked along with the Organisation and the beautiful soul of Don Carlo Zaccaro.


    Con il cuore e nel ricordo di mio zio Don Carlo sarò presente anche io

    Gianluca Pesti
    Ciao Zappo ti mando quello che è e rimarrà il mio pensiero nei riguardi del Don… #penso che per tutti quelli che lo avvicinavano che avevano la fortuna di avvicinarlo, anche arrivando da continenti diversi, abitudini di vita vissuta diverse dalla sua, avesse sempre un stabilità emotiva grande che bastava ascoltarlo un attimo per capire che avevi di fronte :una guida e un punto di riferimento che ti avrebbe cambiato dal profondo, come un vero padre che ha un immensa fiducia nei propri figli.
    La sua stretta di mano la ricorderò per sempre!!
    grazie!!!

    Giovanni Capponi

    RICORDANDO DON CARLO ZACCARO

     

    Sono passati 10 anni dalla tua scomparsa, ma tu sei sempre presente nella mia vita, mi spiego meglio…….ripartendo dal giorno in cui mi sono laureato (uno tra i più bei giorni della mia vita) al quale tu hai partecipato in maniera fondamentale, mettendo in pratica le parabole del Vangelo che vivevi giornalmente con la tua quotidianeità, senza farle passare per eventi eccezionali ma dandogli un sapore davvero semplice, fraterno, sincero.

    Alla fine del pranzo di laurea, nel quale sia io sia i miei familiari non potevamo far altro che ringraziarti per avermi permesso di vivere quella esperienza unica, formativa, evangelica di studio e di condivisione con dei ragazzi più piccoli e bisognosi di affetto, cure, dedizione ai quali, inizialmente vivevo con distacco e poi nel tempo mi ero molto attaccato considerandoli come dei fratelli più piccini di me, tu rispondesti a tutti noi che ringraziavi Nostro Signore perché era più quello che avevi ricevuto da ognuno di noi, piccolo o grande, che ciò che avevi dato……..

    Beh! Ancora una volta davi dimostrazione della tua immensa fede, umiltà, sensibilità. Che grande testimonianza mi hai dato di perseveranza, coerenza, onestà d’animo e come mi dicevi spesso nelle nostre chiaccherate serali, Iddio non ha casacche aiuta tutti con amore instancabile.

    Questo messaggio lo hai sempre portato avanti per tutta la tua vita e lo hai ancora di più vissuto in tutte le tue manifestazioni, infatti circa 20 anni fa ti raccontai che un ragazzo musulmano, vista la nostra accoglienza, stava seriamente pensando di diventare di fede cristiana, tu mi rispondesti ……..mi raccomando non forzare nulla deve decidere nel suo cuore in tutta tranquillità ed autonomia ma comunque noi lo aiuteremo sempre indipendentemente dalla sua scelta.

    Grazie don Carlo per avermi insegnato con la tua testimonianza concreta una fede come un nuotatore si comporta in mare aperto e non nella piscina di casa…….


     Vito, Francesco e Aurelio Militello
    Don Carlo ci ha voluto molto bene, ci faceva sentire a casa: x noi è stato come un papà, lo ricorderemo sempre con grande affetto e stima. In particolare, mi piace ricordare quando ci portava a pescare: riusciva a coinvolgere noi ragazzi con la sua allegria, i suoi modi di fare dolci.. Quanti bei momenti impressi nel nostro cuore, farà sempre parte della nostra vita.. Grazie don Carlo!!

    Christian Anichini
    Febbraio 1987 fu il mio ingresso a Villa Guicciardini, reduce da un altra casa famiglia manesca ( in tre mesi scappai 2 volte fino a non volermi più ).
    Non ero tanto per la quale a rientrare in una altra casa famiglia però quella mattina, accompagnato da il grande amico Renato Camporesi, ( già mio tutore  nel 1985 alla Madonnina del Grappa di via delle panche ), vidi per la prima volta Don Carlo.
    Renato ci fece conoscere e quando Don Carlo mi chiese il nome ebbi la sensazione di una bella persona calma, tranquilla e amorevole.
    Renato prese a braccetto Don Carlo e spostandosi di qualche metro ( stringendo un po’ la loro chiacchierata ) senti queste testuali parole:
    Sa Don Carlo, viene da un altra casa famiglia un po’ particolare e se lui non si trova bene scappa subito!
    Don Carlo, ascoltandolo con tutta la sua attenzione gli rispose con una frase che mi è rimasta impressa nella mente:
    “ ….qui il cancello e’ sempre aperto……se vuole può scappare quando vuole, nessuno lo lega e l’obbliga!!
    Rimasi spiazzato…..e nello stesso tempo un senso di grande libertà, anche perché da lì a poco mi resi conto di che pasta era questo uomo!!
    Voleva bene a tutti, era attento a ogni ragazzo, sapeva rendere felice ognuno di noi, per tutti le stesse attenzioni e amore!!
    “ Calma i tuoi bollenti spiriti”…..il massimo della sua arrabbiatura ( per lo meno con me ), insomma un grande uomo!!!……non ci ha fatto mancare nulla!!
    Dalla sala giochi, alle vacanze a Quercianella, al Cimone,madonna di Campiglia, Villa Torricella, a Pianosa per ben due volte,…..sapeva fare tutto quello che ci rendeva felici!!
    Personalmente a volte ho detto di aver vissuto a Villa Guicciardini momenti d’infanzia belli…..forse i più belli, dovuti dal fatto di essere stato accolto veramente con il cuore e con l’amore di aiutare ragazzi difficoltosi, questo era Don Carlo……aiutare e dare amore all’infinito senza un traguardo proprio!!
    Nella mia vita sei stato importante quanto fondamentale negli anni più difficili……porto con me ancora parole indelebili nel mio cuore….. un giorno ci rivedremo per un grande abbraccio e lo spero davvero,…..ti voglio bene!! Christian, uno dei tuoi tanti ragazzi!!😘

     


    Davide Li Trenta

    Ricordando don Carlo Zaccaro nel decennio della sua morte terrena 2010-2020.

    Lo ricordo con grande stima, quando era in vita. Lo ho conosciuto nei primi contatti con l’Opera a Firenze tramite don Piero Paciscopi, e Marigù (Maria Augusta Pelleri) collaboratrice dell’Opera M.G.

    Come volontario e autista ricordo i molteplici viaggi fatti con don Carlo con i vari mezzi dell’Opera. Vorrei mensionarne tre.

    Primo: ho avuto il privilegio di conoscere il dott. Ettore Bernabei a casa sua a Roma. Poi anche il dott. Citterich.

    Secondo: siamo andati in Svizzera a trovare un sacerdote con il quale nei primi anni andava in Albania per la Missione a Scutari.

    Terzo: ultimo viaggio a Pietrelcina, paese natio di San Pio. Don Carlo diede una grande testimonianza dell’Opera di don Facibeni in una parrocchia di Benevento.

    Il mio ricordo personale: come sacerdote mostrava attenzione verso gli ultimi “emarginati” “poveri”. Aveva sempre una buona parola per tutti. Anch’io venendo da una situazione di solitudine quando persi i miei genitori e i miei suoceri e mia moglie mi sono sentito sollevato dandomi dei giusti consigli.

    Ho visto la sua generosità aiutando molte persone in stato di bisogno che venivano a trovarlo a Villa Guicciardini. Ricordo in particolare quando insieme a don Carlo siamo andati alla stazione dei treni a Firenze S.M.N. per prendere degli amici suoi che sono venuti a trovarlo a Firenze.

    Mentre aspettavamo il treno in arrivo don Carlo nota una signora girare per la stazione in cerca di aiuto. La portò al bar della stazione e le offrì da mangiare.

    Queste brevi esperienze dimostrano che in tutta la sua vita da sacerdote e missionario dell’Opera Madonnina del Grappa fondata da don Giulio Facibeni è stato un vero “servo” del Signore Gesù Cristo. E aggiungo è stato un grande e instancabile lavoratore nella “vigna” del nostro Signore Gesù Cristo.

    Galeata, domenica 24 maggio 2020.


    Anna Maria Baglione

    Ricordo di Don Carlo Zaccaro.

    Don Carlo Zaccaro entrò nella nostra vita e nei nostri affetti alla fine degli anni 70, dopo il nostro rientro a Firenze.
    Avevamo abitato per vari anni a Venezia dove mio marito svolgeva il ruolo di giudice minorile. Tra le varie persone conosciute in quella città l’incontro più importante fu con il professor Vittore Branca e la sua famiglia, incontro che si trasformò in un’importante e profonda amicizia.
    Quando il figlio Ludovico si iscrisse alla facoltà di lettere a Firenze, il professor Branca si rivolse a noi e a Don Carlo, che conosceva bene fino dai tempi della Resistenza, perché lo aiutassimo ad inserirsi nell’ambiente fiorentino. Da quel momento cominciammo a frequentare villa Guicciardini, a partecipare agli incontri che vi si tenevano con personaggi importanti della cultura e della politica che Don Carlo conosceva e che venivano per incontrare e parlare ai giovani e far capire secondo gli insegnamenti di Don Facibeni che “Un buon cittadino deve avere cultura, spiritualità, professionalità,  disponibilità e amore per tutti”
    Ci rendemmo conto che Don Carlo non si occupava solo dell’educazione dei giovani ma rivolgeva il suo amore verso il prossimo, anche agli anziani, ai carcerati, agli stranieri.
    L’incontro con Madre Teresa di Calcutta fu importante per Don Carlo che su sua richiesta andò in Albania e vide le terribili condizioni di vita di orfani e di ragazzi cerebrolesi ricoverati negli ospedali psichiatrici. Decise che doveva occuparsi di loro, occuparsi di questi ultimi fra gli ultimi.
    La sua fede profonda e la consapevolezza che la Chiesa dovesse essere sempre capace di stare vicini ai più poveri,  ai più disperati spinse Don Carlo a intraprendere un’impresa che sembrava impossibile. Riuscì al compiere il miracolo di togliere quei bambini dall’istituto in cui vivevano nel degrado peggiore e metterli in case famiglia, ristrutturare l’istituto, allestire un ambulatorio e altre cose importanti.
    Ma il suo pensiero profondo era che questo non fosse sufficiente, occorreva che fosse accompagnato dalla formazione dei giovani albanesi. Organizzò collegamenti fra Italia e Albania. Professionisti, magistrati, uomini di cultura, rappresentanti della Misericordia e della Protezione civile si misero a disposizione per raggiungere questo scopo incontrando i giovani albanesi, per ”rieducarli al vero significato del lavoro”.
    Tutto questo impegno, come spesso succede, portò anche a critiche e sofferenze e sempre più spesso Don Carlo veniva dall’amico Tindari per avere suggerimenti o consigli o semplicemente per parlare. Se ne andava nella consapevolezza che su questa persona poteva contare.
    Di Carlo Zaccaro io mi ricordo il suo sorriso, la sua serenità, serenità di una persona, di un prete che nella sua vita non si è mai sentito solo , neppure quando ha preso le decisioni più gravi, non solo perché era circondato dall’amore delle tante persone che aveva aiutato, ma perché sempre vicino a se, ne sono sicura, aveva Gesù e la Madonna che lo sostenevano e guidavano.


OGGI VIDEOCONFERENZA a 10 anni dalla morte di don Carlo Zaccaro

Oggi 15 MAGGIO alle ORE 18
VIDEOCONFERENZA o anche con il solo telefono +39 (051) 0920294 (clicca qui) 
per una preghiera breve  e uno scambio di saluti

Per la VIDEOCONFERENZA collegarsi al seguente link: https://join.freeconferencecall.com/rofunghi

POI cliccare nello spazio verde con la scritta UNISCITI ALLA RIUNIONE ONLINE e inserire il proprio nome e indirizzo email.

____________________

E’ possibile collegarsi in audio anche con un comune telefono (fisso o mobile)

Numero telefonico: +39 (051) 0920294 (clicca qui) 

codice se richiesto: 843033#

 

Numeri di Accesso Internazionali:

dall’Albania +355 4 454 1702

dalla Germania +49 221 98203457

dal Regno Unito +44 330 998 1256

Codice Accesso se richiesto: 843033#

ALTRI PAESI:  https://fccdl.in/i/rofunghi

A Firenze Santa Messa per i 10 anni dalla morte di don Carlo Zaccaro

ASSOCIAZIONE AMICI DI DON CARLO ZACCARO
ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE FIORETTA MAZZEI

Il 15 maggio ricordiamo  i 10 anni dalla morte di don Carlo Zaccaro.
Nelle chiese le messe vengono ancora celebrate senza popolo e non sarà possibile trovarci fisicamente insieme.
Lo faremo nella preghiera personale e chi vorrà potrà collegarsi in conferenza telefonica o videoconferenza per pregare insieme.
Pregheremo per don Carlo e per tutti gli amici della nostra associazione che in questi anni ci hanno lasciato.
O meglio pregheremo insieme a loro. In paradiso abbiamo una sezione con soggetti di un certo spessore.
Preghiamo con loro che sono avanti perchè ci aiutino a guardare con speranza al futuro.

_______________________________________________________
Quindi il 15 MAGGIO alle ORE 18
una preghiera breve  e uno scambio di saluti
(brevis debet esse et pura oratio)
in conferenza telefonica o in videoconferenza
.
Con un comune telefono (fisso o mobile)

Numero telefonico di Accesso (IT): 051 092 0294
Codice Accesso: 843033#

Numeri di Accesso Internazionali: https://fccdl.in/i/rofunghi
ID Riunione Online: rofunghi

Per la VIDEOCONFERENZA collegarsi al seguente link: https://join.freeconferencecall.com/rofunghi

POI cliccare nello spazio verde con la scritta UNISCITI ALLA RIUNIONE ONLINE
_______________________________________________________________________

Invece venerdì 22 maggio le chiese saranno aperte e verrà celebrata una messa.

22 Maggio alle ore 18
nella Chiesa si San Michelino Visdomini

in via del Servi a Firenze.

Santa Messa per i 10 anni dalla morte di don Carlo Zaccaro
e per tutti gli amici defunti della nostra associazione

Celebrerà il parroco don Ernesto Lettieri

Sperando di vedervi numerosi (ma non assembrati)

Un saluto

Roberto Funghi
ASSOCIAZIONE AMICI DI DON CARLO ZACCARO

Giovanna Carocci
ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE FIORETTA MAZZEI

 

Cesare Trebeschi

Un  caro saluto a Cesare Trebeschi che ci ha lasciati in questo Venerdì Santo.

Un abbraccio a tutta la sua famiglia.

 

Una testimonianza luminosa di una fede vissuta in piedi.

Il ricordo dell’amicizia fraterna con don Carlo e la gratitudine per l’amicizia che ci ha voluto donare.

Riportiamo sotto le foto del nostro ultimo incontro nella sua casa di Cellatica il 5 giugno 2017.

Partecipammo insieme ad una Messa che aveva fatto celebrare per don Carlo (Il sacerdote indossava una casula che era stata fatta con l’abito nuziale di sua moglie e che avevano regalato a don Carlo che li aveva sposati).

Avemmo una piacevole conversazione piena di ricordi, di aneddoti e con uno sguardo lucido e aperto verso il futuro.

 

Quando salutandolo gli dissi arrivederci mi rispose ironizzando sulla sua età “si  o qui o nella valle di Giosafat” (luogo del giudizio universale).

Adesso vive nella luce della risurrezione e sarà luce per la nostra coscienza civile e religiosa.

_________________________

Vi proponiamo sotto la lettura di un testo di Cesare Trebeschi inviatoci dalla famiglia.

Cesare Trebeschi. Lettera per il Battesimo del figlio Andrea

 


 


 

https://brescia.corriere.it/notizie/cronaca/20_aprile_10/addio-cesare-trebeschi-brescia-piange-l-ex-sindaco-4d57a0c4-7afd-11ea-afc6-fad772b88c99.shtml

https://www.giornaledibrescia.it/brescia-e-hinterland/addio-a-cesare-trebeschi-testimone-del-novecento-1.3472580

https://www.lavocedelpopolo.it/citta/la-scomparsa-di-cesare-trebeschi

La vita proba di Cesare. Ci ha lasciati Trebeschi, già sindaco di Brescia – di Tino Bino

http://www.fiammeverdibrescia.it/il-nostro-saluto-a-cesare-trebeschi/

Il mio ricordo di Cesare Trebeschi | di Claudio Bragaglio