Incontro Amici e ragazzi di don Carlo Zaccaro 8 dicembre a Firenze

Giovedì 8 dicembre, Solennità della Immacolata Concezione,

gli amici e i ragazzi di don Carlo Zaccaro si incontrano a Firenze

 

Questo il programma:

– ore 11,30 Santa Messa nella nella Chiesa di San Michelino (https://goo.gl/maps/5MPtk2g2Ut1xtGpf7) celebrata dal parroco don Ernesto Lettieri

– dopo la messa pranziamo insieme nella sala Chiostrini (dietro alla chiesa di San Marco) in via della Dogana, 3 rosso (https://goo.gl/maps/XbwVPH8zFFVJFB9d8)

Per il pranzo portiamo ognuno qualcosa e lo condividiamo.

 

Dopo il pranzo ci sarà un breve incontro tra noi nel quale:

  • Carlo Zappia e Giuseppe Corzani ci aggiorneranno sull’accoglienza ai profughi fatta in Romagna dalla Cooperativa Fare del Bene
  • Paolo Meucci  (Consigliere del Parlamento Europeo distaccato alla Delegazione, dell’UE presso L’Unione Africana) ci parlerà del suo lavoro e di quello della UE  e delle criticità e opportunità del continente africano.

Si chiede a chi parteciperà al pranzo di comunicare la partecipazione a Chiara Bencini (info@amicidoncarlozaccaro.it – cell. e whatsapp 3332964431) o a Carlo Zappia cell. 3316386126.

Un saluto a tutti e un energico invito a partecipare.

Incontriamo Paolo Meucci in collegamento da Addis Ababa – Ethiopia

Venerdì  14 ottobre alle ore 18

incontreremo in videoconferenza il nostro amico Paolo Meucci

in collegamento da Addis Ababa – Ethiopia

https://meet.google.com/emw-dktn-rbq

 

Paolo è attualmente in Africa e lavorerà lì per due anni come Consigliere del Parlamento Europeo distaccato alla Delegazione, dell’UE presso L’unione Africana.

Avrà contatti oltre che con l’Etiopia con molti altri stati africani.

Sarà anche per noi un’antenna piantata in quel continente e ci consentirà di conoscere meglio le potenzialità e le criticità di quei popoli.

Nel primo incontro di venerdì 14 ottobre ci racconterà come sta iniziando il suo lavoro e le prime impressioni avute all’arrivo nel continente africano.

Gli potremo fare domande e suggerire argomenti da approfondire nei prossimi incontri

Negli appuntamenti che seguiranno definiremo, grazie ai suggerimenti che arriveranno, Ne suggerisco alcuni ma attendiamo le vostre richieste

  • opportunità economiche
  • crisi umanitarie e guerre in atto (ad esempio quella del Tigray)
  • I rapporti tra Unione Europea e Unione Africana
  • la Chiesa in Etiopia
  • Speranze di Pace

_____________________________________________________________________

Per chi volesse informarsi su un’emergenza africana invio il collegamento per ascoltare i lavori di ieri sera del Parlamento europeo sula guerra del Tigray

The recent humanitarian and human rights situation in Tigray, Ethiopia, notably that of children

https://www.europarl.europa.eu/plenary/en/vod.html?mode=chapter&vodLanguage=EN&vodId=2d30c587-84c8-09f8-49f8-dcc0a8a36b6f&date=20221005#

 

Articolo su Avvenire:    Etiopia. La solitudine del Tigrai: «Così stiamo morendo»


Paolo Lambruschi mercoledì 5 ottobre 2022

https://www.avvenire.it/mondo/pagine/la-solitudine-del-tigrai-cosi-stiamo-morendo

Assemblea dell’Associazione Amici di don Carlo Zaccaro

Firenze, 27-05-2022

Cari amici,

è convocata l’Assemblea dell’Associazione Amici di don Carlo Zaccaro per il giorno domenica 12 giugno 2022 ore 8.00 in prima convocazione e alle ore 10.00 in seconda convocazione presso il Parco di Fontanalda a Premilcuore (FC) per discutere sui seguenti punti all’ordine del giorno:

1. comunicazione del Presidente;

2. approvazione bilancio consuntivo anno 2021 e preventivo 2022;

3. versamento quota associativa anno 2022;

4. proposte di iniziative di attività da parte dei soci;

5. varie ed eventuali.

Si ricorda che, così come previsto dallo Statuto, ogni associato può rappresentare, per delega, non più di due associati e saranno ammessi al voto solo i soci in regola con il versamento della quota associativa per l’anno 2022 (20,00 euro).

I Soci sono invitati a far pervenire alla sede dell’Associazione (Via Anton Maria Salvini, 3 rosso 50133 Firenze o per e-mail a info@amicidoncarlozaccaro.it) le loro proposte in modo da poterle presentare in assemblea.

Si richiede la massima partecipazione a questo nostro incontro.

Sarà possibile partecipare all’assemblea anche da remoto collegandosi al link che verrà indicato sul sito https://www.amicidoncarlozaccaro.it/don-carlo/incontro-ragazzi-e-amici-don-carlo/

 

Per il Consiglio Direttivo

Roberto Funghi

Eletto il nuovo consiglio direttivo

Oggi 29 maggio 2021 nell’Assemblea dell’Associazione Amici di don Carlo Zaccaro  tenuta a Cercina sono stati eletti i nuovi consiglieri.

Il consiglio ha poi eletto il presidente e i vicepresidenti.

Questa la composizione del consiglio direttivo:

  • Roberto Funghi (presidente)
  • Giuseppe Corzani (vicepresidente)
  • Francesca Innamorati (vicepresidente)
  • Chiara Bencini
  • Andrea Gardani
  • Giovanni Golia
  • Riccardo Lo Parrino
  • Paolo Meucci
  • Carlo Zappia

Si conferma Mario Guerriero come segretario.

Incontro ragazzi e amici di don Carlo Zaccaro 2021

Incontro ragazzi e amici di don Carlo Zaccaro 2021

Sabato 29 maggio

in via della Fontaccia  a Cercina

Sesto Fiorentino (FI)

dalle ore 11

Siamo tutti invitati a partecipare insieme alle nostre famiglie.

Cerchiamo di conttattare tutti i nostri amici, anche quelli più lontani. Passate parola.

Faremo insieme un pic nic condividendo quello che ognuno di noi porterà.

Come per gli altri incontri sarà occasione per rivederci e per un confronto su altre iniziative.

Portate idee e proposte.

Segnaliamo la nostra partecipazione scrivendo a info@amicidoncarlozaccaro.it

Nella foto l’incontro di Santa Sofia

L’incontro si svolgerà all’aperto rispettando i criteri di prudenza dovuti alla pandemia.

Ghita Vogel

Ci ha lasciato anche Ghita Vogel.
I protagonisti di una stagione ecclesiale fiorentina si riuniscono nella casa del Padre.
Siano di ispirazione per noi e per una chiesa viva ed autenticamente evangelica.

La ricordiamo con un articolo di Riccardo Lo Parrino.

La mia conoscenza di Ghita è stata un regalo di don Carlo. La conoscenza fra noi si è approfondita successivamente per motivi legati alla mia professione di medico che ha a più riprese incrociato, per molti anni, l’infaticabile attività di Ghita a sostegno delle famiglie e dei giovani più fragili. E, soprattutto, l’ha consolidata la mia fortunata frequentazione di don Danilo Cubattoli, -la cui figura, di profonda spiritualità, è indissolubilmente legata a quella di Ghita- oltre le mura del carcere di Sollicciano.
Asciutta nel fisico, essenziale nell’abbigliamento, schietta nella comunicazione. Così ricordo Ghita. L’accento vagamente tedesco tradiva le sue origini svizzere. Con radici profonde, tuttavia, nella sua Firenze, nel quartiere, un tempo popolare, di San Frediano dove, in via del Drago D’Oro, ha a lungo vissuto sino all’ultimo giorno del suo passaggio terreno. Ghita, la dottoressa Vogel, di ottima famiglia, stimata professionista (ha lavorato sino alla pensione come cardiologa ospedaliera presso l’Ospedale di Santa Maria Nuova in Firenze), il messaggio evangelico che chiama ognuno di noi a una vicinanza ai poveri, agli ultimi, l’ha accolto autenticamente e pienamente , facendone l’asse portante di tutta la sua vita, con intensità, senza pause, sino in fondo.
L’esperienza del Campeggio San Frediano, nella pineta di Vada, a Molino al Fuoco, per la precisione, portata avanti con passione e tenacia per moltissimi anni da Ghita insieme al “Cuba” (don Danilo Cubattoli, cappellano del carcere di Firenze, e molto altro, per chi non ha avuto la grande fortuna di conoscerlo) sembra una rappresentazione sintetica, nella sua complessità, dei pilastri, vere e proprie pietre miliari, attorno a cui si è svolta l’intera sua vita: l’attenzione alle persone in difficoltà per i motivi più diversi, economici, di giustizia, di salute fisica e psicologica, con uno sguardo particolare ai bambini e alle bambine, ai ‘ragazzacci’ e alle ‘ragazzacce’; la condivisione, che accorcia le distanze, del lavoro, della fatica, ma anche dei momenti piacevoli e spensierati (le gite in barca, la spiaggia, la natura), a cui tutti hanno diritto: tutti insieme a mangiare in grandi tavolate sotto il tendone!; l’aiuto reciproco e la solidarietà; l’autenticità dei rapporti fra persone, senza indulgere a sentimentalismi e senza posizioni giudicanti. E poi, sopra tutto, la sua fede in Cristo: “sì, c’ho anche questo vizio, vado tutti i giorni a Messa”, ha simpaticamente detto una volta a me e a mia moglie Emanuela in una delle nostre visite a lei e a don Cuba a Vada, diventate per la nostra famiglia un appuntamento estivo irrinunciabile.
L’interesse per i giovani e giovanissimi segnati e resi fragili da esperienze di vita precocemente complicate e dolorose, l’offerta da parte sua di un’accoglienza di dimensione familiare, di una nuova opportunità per riprendere percorsi di crescita talvolta traumaticamente interrotti, ha avuto una posizione centrale nella sua instancabile attività. Il centro diurno e la comunità di accoglienza alle Torri, nel quartiere dell’Isolotto, ne sono stati una, fra le tante generosamente offerte all’intera comunità fiorentina, forte e concreta testimonianza.
L’impegno di Ghita è stato indubbiamente un impegno dalla decisa impronta sociale, per la comunità tutta, portato avanti rimanendo sempre saldamente sul campo, in prima linea, anche di fronte a notevoli ostacoli e difficoltà, che non sono certo mancati, senza la paura di sporcarsi le mani. Un impegno sociale forte, per certi versi estremo, di dedizione totale al prossimo più bisognoso, coraggiosamente ispirato al Vangelo; un impegno di civiltà a cui rivolgersi tutti quanti, credenti e non, con sguardo attento e colmo di gratitudine.

Firenze, 5 dicembre 2020                        Riccardo Lo Parrino

______________________________________________________

vedi anche

L’addio a Ghita Vogel l’ultimo pilastro dell’Oltrarno popolare «Mamma di tutti noi»

 

 

Sabato alle 10 i funerali di don Corso in diretta streaming

La celebrazione, presieduta dal cardinale Giuseppe Betori, si svolge sabato 7 novembre alle 10 nella cattedrale di Santa Maria del Fiore.

Non potendo partecipare tutti alla messa per motivi di COVID o per altri motivi approfittiamo di questa occasione per essere comunque presenti e per pregare insieme.

Un invito a tutti a diffondere la notizia.

Un articolo di Carlo Parenti su don Corso

da https://www.politicainsieme.com/don-corso-guicciardini-successore-del-venerabile-giulio-facibeni-si-e-spento-a-firenze-di-carlo-parenti/

Don Corso Guicciardini, successore del venerabile Giulio Facibeni, si è spento a Firenze – di Carlo Parenti

Don Corso Guicciardini, nato il 12 giugno del 1924, si è spento ieri 5 novembre nell’ospedale fiorentino di Careggi dove era ricoverato per Cornavirus. Il Venerabile don Giulio Facibeni lo scelse come suo erede spirituale per proseguire dal 1958 la guida dell’Opera Madonnina del Grappa. E don Corso, col coraggio della fede e guardando sempre avanti, ha coltivato il sogno di don Giulio Facibeni: «Sogno che non è un’illusione, ma un preciso programma di giustizia e carità cristiana». Grazie a Lui noi continueremo a sognare un mondo di amore.

La sua vocazione è stata originata da alcuni colloqui che ebbe giovinetto con Giorgio La Pira.

Me lo ha raccontato lui in una serie di incontri –un autentico dono- che ho avuto dal 27 febbraio al 29 maggio 2017: «mi rendo conto del valore di quei giorni e dell’esperienza che ho fatto con La Pira. Meravigliosa, perché La Pira aveva il pregio unico di legare la storia del tempo e le sue prove con la Sua vita di Fede. La Pira ci ha coinvolto nel problema della nostra Fede e inevitabilmente ci ha portato a decidere perché questa Fede non fosse passata fuori da un vero e proprio problema di coscienza cristiana. Riconosco che La Pira con il Suo affetto e con la Sua comunicazione fraterna mi ha portato al di là di me stesso e mi ha coinvolto, appunto, in un problema di Fede da attuare…Quando incontrai La Pira a Fonterutoli, dai Mazzei dove si era rifugiato nell’estate del 1944, per sfuggire ai repubblichini che lo volevano arrestare,il professore mi chiamò nella sua camera – al secondo piano c’aveva una camera – con un letto proprio di quelli famosi, tradizionali che s’usavano in campagna, di ferro battuto. Si sedette sul letto. Io mi appoggiai alla spalliera. Mi parlò di prepararsi bene per dedicare la vita all’annuncio del Signore. Sicché mi parlò della vocazione, ma più che della vocazione mi parlò di diventare apostolo del Signore…Lo ascoltai, però lui mi fece una chiamata…Quando tornò da Roma dopo la liberazione in agosto di Firenze Lui mi ripropose il problema della vocazione. Pensa un poco! [lo disse con enfasi e ritrasmette a distanza di tanto tempo tutta la meraviglia ed anche la soddisfazione per l’importanza del fatto]. E io gli dissi:”Professore io non le posso rispondere, perché io ho già deciso. Ho già deciso! Ma ora io non le posso rispondere come”. Io avevo deciso che mi sarei fatto sacerdote. Ma non glielo dissi, perché non l’avevo nemmeno comunicato alla mia famiglia. E non potevo dirgli, non gli dissi. Però la mia non era una vocazione laicale (come la sua) perché io non ero fatto per la vocazione laicale. È chiaro: per fare la vocazione laicale, il missionario laico, ci vuole delle qualità particolari che non erano le mie, erano assolutamente fuori dalla mia portata! Sicché io non gli dissi nulla, ma lui non insistette. Capito? Tutto qui!».

Gli incontri che ho avuto con don Corso furono originati dal desiderio di incontrarlo per ringraziarlo di una bella lettera che mi aveva inviato il  29 dicembre 2016,  dopo aver letto un mio lavoro su Giorgio La Pira. Avevo visto don Corso tante volte dagli anni ’70 quando frequentavo intensamente don Carlo Zaccaro, sacerdote dell’Opera della Divina Provvidenza “Madonnina del Grappa” fondata nel 1923 da don Giulio Facibeni. Ma, sembra impossibile, al di là di rapidi saluti non gli avevo mai davvero parlato. Di lui il ricordo più intenso era legato alla notte tra il 5 e 6 novembre 1977 quando don Giuseppe Dossetti, don Corso Guicciardini e don Carlo Zaccaro concelebrarono di fronte al corpo di Giorgio La Pira la prima messa funebre per il sindaco santo che era volato in Paradiso.

E per me non è un caso, ma un segno, che Corso abbia raggiunto in paradiso il professore proprio il 5 novembre di questo 2020. Quel professore che aveva conosciuto alle conferenze della San Vincenzo dei Paoli dove il giovane, ricchissimo e nobile Corso conobbe i poveri. Infatti Corso nacque conte nella famiglia Guicciardini Corsi Salviati. Il titolo di conte (conte palatino) risale al 1416. Fu conferito dall’imperatore Sigismondo di Lussemburgo a Piero Guicciardini bisnonno dello storico Francesco e di Girolamo dal quale discende il ramo che ha portato poi a Giulio, babbo di Corso e importante esponente del Partito Popolare.

Proprio l’incontro coi poveri contribuì alla scelta del Guicciardini!Ecco la sue parole: «Perché poi da sacerdote sono entrato nell’Opera? Perché c’era la povertà, perché era un elemento che il Vangelo faceva affiorare nella mia coscienza. Non si può vivere il Vangelo senza abbracciare la povertà! I poveri… ti rivoluzionano il mondo interiore, perché ti fanno capire che non sei nulla, che non sei nulla! Un oceano di bisogni. Te ti avvicini e ti assorbono, ti prendono tutto, ti trasformano. Essere cristiani non è il chiedere a Dio quello che noi vogliamo da Lui, ma è fare quello che Lui vuole da noi. Spogliarsi di tutto per essere Suoi strumenti di misericordia e carità». Queste dunque le risposte di don Corso Guicciardini Corsi Salviati alla tragedia della vita, alla tragedia della povertà. Crescere [arricchendosi] in povertà. La rinunzia alla ricchezza è la vera ricchezza. E Corso ebbe la miracolosa capacità di un ricco di passare attraverso la cruna dell’ago, vincendo la sfida del Vangelo. Oggi, nella nostra società dove l’apparire è più importante dell’essere, dove la formazione della personalità avviene addirittura anche per mezzo di tecniche che vengono insegnate al fine specifico di sopraffare il prossimo nell’esaltazione suprema del sé, del proprio egocentrismo, risulta quasi incomprensibile il cammino spirituale di don Facibeni e di don Guicciardini. Uomini che per tutta la vita hanno inseguito l’annientamento del proprio io nella carità e nella misericordia fino ad accettare di essere servi inutili in una tensione di anime che «ottengono la vittoria su se stessi, dominando le passioni […] stroncando il proprio io». Ma questa rinuncia ha generato «fatti e non parole» per tante «povere creature» che soffrivano la «miseria e l’abbandono». Davvero gli ultimi. (NdA: questi ultimi corsivi sono parole di don Facibeni.)

Insieme a don Facibeni nella Madonnina del Grappa Don Corso conobbe la presenza della Provvidenza! Il racconto di quel che la Madonnina grazie alla Provvidenza ha compiuto e compie è sterminato, così come è sterminato il bene fatto da don Corso. Non si può raccontare in una pagina. Mi concentro sull’essenza.

Don Facibeni un giorno raccontò a Corso una meditazione tratta da un libro di un gesuita, Peter Lippert, al riguardo della sua esperienza di Dio. Lippert al termine della prima guerra mondiale guarda le macerie di una città tedesca, alte anche venti metri. Tutto, tutto distrutto. Lo scrittore continua: «Dio dove sei, dove sei Dio; non Ti vedo! Sei scomparso, è tutto distrutto, tutto!». Però la meditazione seguita e lui scopre che Dio è nelle sue braccia, nelle sue mani, nei suoi occhi, nella sua mente e nel suo cuore. «Ecco dove sei Dio! Sono io, sono io che devo diventare strumento della Tua azione, della Tua volontà di salvezza, del Tuo amore».

Don Facibeni, provato dalla tragedia della prima guerra mondiale,  non riuscì più a dimenticare le tragedie, le violenze, il sangue versato, la vista della morte di tanti giovani. Trovò una risposta a tanti orrori nel diventare umile strumento dell’azione, della volontà di salvezza, dell’amore di Dio col quale era in mistica unione. Così – mi ha spiegato don Corso- nacque l’Opera della Divina Provvidenza “Madonnina del Grappa” che sopravvisse solo grazie al suo totale abbandono nella Provvidenza. «…e quando meno se l’aspettava la Provvidenza lo sorprendeva, con le sue delicatezze materne. Il Padre era certamente preso dentro la morsa dell’azione divina». «Nella Provvidenza aveva una grande stima. La Provvidenza era in grado di provvedere a tutte le sue scelte». Don Facibeni diceva: «Non credo più nella Provvidenza, Perché la vedo, la tocco con mano», «Tu non la conosci la Provvidenza, perché fa soffrire, però ha delle delicatezze materne»: e in questo abbandono nella Provvidenza respirava la sua anima.

Papa Francesco nell’Esortazione Gaudete et Exsultate, sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo, indica un percorso del quale le esperienze di “carità” di don Giulio e di don Corso sono un esempio luminoso.

Una notazione personale. Don Corso nei suoi colloqui con me (che ho documentato integralmente altrove) mi ha narrato anche episodi inediti di nobili famiglie fiorentine. Oltre a La Pira, decisivo per la sua vocazione, mi ha parlato di Pio XII; di Dalla Costa, Bensi, Bartoletti, Milani e dei sacerdoti francesi del Prado e di quelli dell’Opera facibeniana. Mi ha così dipinto un affresco tra due secoli della storia d’Italia aprendomi orizzonti sul futuro della «nostra umanità vulnerabile».

Ma quello che davvero ha generato in me il suo inaspettato corso di spiritualità è che ha veramente cambiato il mio essere credente.

Mi soccorrono delle parole di papa Francesco (Udienza Generale di mercoledì, 27 dicembre 2017): “Gesù è il dono di Dio per noi e, se lo accogliamo, anche noi possiamo diventarlo per gli altri – essere dono di Dio per gli altri – prima di tutto per coloro che non hanno mai sperimentato attenzione e tenerezza. Ma quanta gente nella propria vita mai ha sperimentato una carezza, un’attenzione di amore, un gesto di tenerezza?

Grazie Don Corso, continua a volerci bene e noi ti ricorderemo volendoci bene.

Carlo Parenti